VINAFAUSA. IN MORTE DI ATTLIO MANCA








Di Simone Corso
Con Francesco Natoli, Michelangelo Maria Zanghì, Simone Corso
Regia Michelangelo Maria Zanghì
Costumi ed elementi scenici Francesca Cannavò
Musiche Chiara Pollicita
Assistente alla regia Caterina Sfravara 
Amministrazione Associazione Culturale Filokalòn
Foto di scena Domenico Genovese, Nino Ferraro
Produzione Compagnia Teatrale Santina Porcino




Vinafausa non è una storia da raccontare, ma piuttosto un insieme di indizi che, messi insieme, indagano su chi siamo stati, chi siamo e chi vorremmo essere. La vicenda di Attilio Manca, giovane urologo del messinese, morto nel 2004 in circostanze ancora poco chiare, è uno dei tanti piccoli - grandi casi di cronaca che s’intrecciano con gli ultimi vent’anni della nostra Storia. Attilio, brillante medico trentaquattrenne è stato trovato senza vita nel suo appartamento, a Viterbo, dove lavorava presso l’ospedale Belcolle, con due buchi nel braccio sinistro. Overdose si è detto. Suicidio, subito dopo. Ma nonostante la (presunta) verità che è stata accertata nel corso delle indagini e del processo, affiorano fantasmi dalla coscienza che fanno rumore e che ci chiedono altre domande, altre verità. Troppe le cose che non tornano, troppi i sospetti, troppe le coincidenze; troppo sangue per essere un suicidio. Forse, la morte di Attilio, allora, non è solo uno dei tanti casi, ma un tassello di qualcosa di più grande che ha fatto dell’Italia ciò che è oggi, della Storia un mistero, degli italiani di prima dei complici, degli italiani di oggi dei dimentichi. Ma tutto sta in una scelta: bene o male. Non è così netta, non può esserlo, ma può essere una consapevolezza, prima di tutto, prima dell’attesa, prima del non sapere. Sulla sua morte un'ombra nera, nerissima: Bernardo Provenzano.


RASSEGNA STAMPA



LA GAZZETTA DEL SUD


SIPARIO